In queste settimane di fine estate sono ancora molti i lavoratori stagionali che continuano ad accedere al nostro Infopoint e ai servizi di Saluzzo Migrante per chiedere informazioni, ottenere assistenza legale o sanitaria, fare una doccia.

Diverse decine sono le persone che hanno ritirato il loro bagaglio e sono ripartite verso nuove raccolte, dopo aver terminato di lavorare nel Saluzzese o aver rinunciato ad aspettare la “chiamata” di un datore. Ci raccontano la difficoltà del dormire in strada per molti mesi e la speranza di trovare una situazione migliore nelle prossime campagne di raccolta delle arance, olive o pomodori.       

Sono ancora numerosi, tuttavia, i braccianti senza dimora costretti ad affrontare i primi freddi e la pioggia, in uno scenario che continua ad essere grave. Durante i nostri Presidi mobili la sera incontriamo persone che ancora dormono all’aperto in alcuni angoli di Saluzzo.

Da maggio, quando abbiamo constatato i primi arrivi, abbiamo sempre seguito da vicino l’evolversi della situazione. I numeri di questo 2020 sono notevolmente inferiori rispetto agli scorsi anni, ma le difficoltà che un bracciante si trova a dover affrontare una volta arrivato a Saluzzo in cerca di lavoro o dopo la telefonata del suo datore, sono sempre le stesse, accentuate quest’anno dall’emergenza sanitaria.

I nostri Presidi mobili serali sono uno strumento fondamentale per incontrare i senza dimora direttamente dove dormono, conoscere le loro condizioni di vita e di lavoro, i luoghi e le presenze, portando avanti un’azione di monitoraggio per fotografare la realtà con dati reali. Allo stesso tempo sono un’occasione per costruire una vicinanza con persone in situazione di forte marginalità: grazie a queste azioni abbiamo aiutato chi era malato, chi aveva profonde sofferenze, informato e mediato.

Avvicinarsi a persone in queste condizioni di fragilità richiede la capacità di mettersi a confronto con empatia e comprensione. In nessuno dei nostri numerosi sopralluoghi, in questi anni, si è mai verificato un momento pericoloso per i nostri operatori (in maggioranza donne). Quest’anno come nei 10 passati da quando portavamo le prime coperte alla stazione dei treni, il fenomeno degli stagionali agricoli senza dimora é andato aumentando.

Non eravamo presenti durante le riprese del servizio televisivo andato in onda su Rete 4 a proposito della situazione saluzzese, ma riteniamo che la realtà raccontata non sia aderente a quella che vediamo in città. L’impressione è quella di un prodotto televisivo che rischia soltanto di disinformare, alimentando tensioni che potrebbero sfociare in situazioni di conflitto sociale.

Gli uomini che incontriamo quotidianamente sono lavoratori o aspiranti tali, tutti in possesso di regolare permesso di soggiorno, che arrivano nel Saluzzese con la speranza di raccogliere la frutta per il più lungo periodo possibile, investendo tutta la propria persona di una “scommessa per la sopravvivenza” che vale per sé e per la propria famiglia (che sia in Italia o ancora in Africa).

Attualmente, dopo i controlli ed i monitoraggi condotti sia dal nostro Presidio sia dalle istituzioni, siamo a conoscenza del fatto che il 90% delle persone che dormono all’aperto a Saluzzo è impiegata nella raccolta presso imprese agricole locali. 

La realtà che fotografiamo non corrisponde quindi a scenari che vedono protagonisti 200 (o più) braccianti senza dimora additati come clandestini e violenti. Come Caritas, constatiamo narrazioni di questo tipo, che cercano di sollevare una sterile polemica attraverso immagini che non corrispondono alla realtà da noi conosciuta e monitorata. L’impressione che ne abbiamo ricavato è quella di una volontà malcelata di puntare ad una facile semplificazione di problematiche complesse, unicamente per creare paura e avversione nella cittadinanza.     

Esiste una situazione grave, in cui un Comune di 17.000 abitanti si ritrova solo di fronte a decine di persone che vivono in condizioni degradanti e che, nonostante le difficoltà citate, riesce comunque a mantenere sotto controllo l’ordine pubblico attraverso una cooperazione ben rodata da anni tra istituzioni locali, enti del terzo settore, Asl Cn1 e Forze dell’Ordine.

Sottolineiamo inoltre come la problematica saluzzese non sia isolata: Canelli, Cuneo, Siracusa, Latina, Foggia, Pachino, per citarne alcuni, sono territori accomunati dalla mancanza di soluzioni abitative adeguate che possano accogliere la totalità dei braccianti che stagionalmente vengono impiegati per raccogliere la frutta e la verdura che poi arriva sulle nostre tavole.

Già da maggio abbiamo messo in evidenza come questa problematica non fosse affrontabile solo a livello locale, ma ad oggi, nonostante il nostro appello condiviso da decine di realtà locali e nazionali e oltre 33.000 firme di cittadini raccolte su Change.org non abbiamo ancora visto interventi decisivi da parte della Regione Piemonte. Continuiamo quindi a chiedere con forza l’attuazione dell’art. 103.20 del Decreto Rilancio, che esiste appositamente per prevenire accampamenti informali dei braccianti stagionali che mettono in pericolo la salute delle persone senza dimora e della collettività.

Proprio perché la tematica degli stagionali senza dimora non può tenere conto della complessità delle cause che la generano, attraverso la nostra attività di comunicazione, continueremo a raccontare la realtà che incontriamo, certi che questo contributo possa portare luce nel dibattito pubblico, per chi ha voglia di vedere davvero.

Dicembre 15, 2020 in New, News

Entra nella Casetta!

A Saluzzo c’è una casa che inizia proprio dove i binari della ferrovia finiscono. Qui la Caritas di Saluzzo ha deciso di iniziare un progetto per i giovani, costruendo un…
Read More
Dicembre 4, 2020 in New, News

Tornare ad accogliere

Anche quest’anno, con la fine della stagione della raccolta, è arrivata la chiusura delle Accoglienze Diffuse, messe a disposizione da 9 Comuni su 32 del distretto frutticolo che hanno scelto…
Read More
Novembre 21, 2020 in New, News

Una casa per chi resta

Nei mesi di raccolta della frutta  gli operatori del Presidio hanno incontrato, durante l’apertura dell’Infopoint in corso Piemonte, i servizi e i “presidi mobili” serali, centinaia di lavoratori senza dimora…
Read More
Ottobre 21, 2020 in Live blog, New

#Live2020_14 I. , tornare a casa

I. aveva 23 anni quando è arrivato in Italia. Oggi ne ha 28. Ha sempre fatto il bracciante e, così come molti altri stagionali agricoli che seguono il ciclo delle…
Read More