La Caritas Diocesana di Saluzzo ha deciso di aderire alla nuova importante sfida lanciata dalla Chiesa Episcopale
Italiana: i Corridoi Umanitari dall’Etiopia! E’ l’unica della Provincia di Cuneo ed è insieme a Torino, Biella e Tortona in Piemonte.

VIDEO: Come funziona il progetto Corridoi Umanitari?

Le persone che sono state individuate dalla Caritas insieme alle Nazioni Unite e al Ministero dell’Interno, saranno in totale 500 persone, tra cui donne e bambini, e saranno accolte nelle Caritas Diocesane che hanno dato la loro disponibilità.

Il 27 febbraio arriverà una famiglia eritrea a Roma e arriverà a Saluzzo mercoledì 28. Si tratta di una famiglia composta da padre, madre e due figli, di 24 e 19 anni, e saranno accolti in un appartamento e seguiti da operatori professionali e volontari del nostro territorio.

Il direttore della Caritas di Saluzzo Don Beppe Dalmasso rispetto a questa iniziativa ha dichiarato: “Penso che scegliere di essere parte di questo progetto sia soprattutto un segno di accoglienza che si lega ad un segno di giustizia: queste persone fanno un viaggio legale, sicuro: di fronte alla drammatica situazione che spinge migliaia di persone a cercare salvezza attraversando prima il deserto e poi il Mar Mediterraneo in condizioni di grave rischio per se e le proprie famiglie, andando incontro a violenze, abusi, torture, perdita della vita, la Chiesa italiana ha voluto dare un segnale concreto per proporre soluzioni. La loro presenza in Italia è legale, riconosciuta dalle Istituzioni, ma penso che sia compito anche della nostra comunità, di ognuno di noi, lavorare per la loro reale integrazione e per costruire con loro una positiva possibilità di vita per il futuro.

Il 12 Febbraio ci sarà una serata di presentazione del progetto Corridoi Umanitari al Centro Missionario
Diocesano con i consigli pastorali di alcune parrocchie saluzzesi. Sempre in Febbraio ci sarà una serata a Verzuolo.
L’evento più importante sarà sabato 24 febbraio al Duomo di Saluzzo, con il concerto degli Alunni del Cielo (coro Revival) e la Caritas che presenterà i suoi progetti, in particolare quelli di accoglienza portati avanti in questi anni da famiglie e volontari saluzzesi, con la novità della sfida della CEI che la Diocesi di Saluzzo ha accettato: i corridoi umanitari!
Questa sono le prime tappe per iniziare a “condividere il viaggio” dei rifugiati con la comunità saluzzese!

Per maggiori informazioni sul Progetto ProTetto – Rifugiato a casa mia (corridoi umaitari) di Caritas Italiana visitate il sito Caritas Inmigration.
Se volete partecipare attivamente nel progetto di accoglienza dei corridoi umanitari a Saluzzo scriveteci a camposolidale@gmail.com.

Giugno 15, 2019 in News

In 150 alla Tavolata senza muri della Caritas

150 persone hanno trovato posto alla “Tavolata senza muri” allestita sabato 15 giugno nel cortile della Caritas che si è fatta promotrice dell’iniziativa insieme a “Saluzzo Migrante”. Operatori e volontari…
Read More
Maggio 22, 2019 in News

Il caporalato: realtà anche nel Saluzzese

La Procura di Cuneo oggi ha illustrato i risultati di un’indagine per contrastare, nella zona del saluzzese, il fenomeno del caporalato. Due imprenditori lagnaschesi, della stessa azienda agricola, e un…
Read More
Maggio 12, 2019 in Live blog

#Live2019_2 Casa, ma a che prezzo

Abdin e Ibra sono in Italia da tanti anni, tanto che se gli chiedi da dove arrivano rispondo "da Brindisi". Dicono di non aver mai avuto una casa vera. FINALMENTE…
Read More
Maggio 6, 2019 in News

Coltivare orti e legami

Il 1° maggio per le famiglie eritree arrivate a Saluzzo grazie ai corridoi umanitari é stata una giornata di condivisione insieme ai giovani nuovi inquilini del cohousing sociale della Caritas…
Read More