Circa 200 persone sono al  Foro Boario di Saluzzo, ogni giorno si presentano agli sportelli della Caritas in corso Piemonte 63 o nella piccola roulotte; chiedono informazioni diverse, molti sono a Saluzzo per la prima volta.

Si scrivono curricula, si aggiornano documenti, si consulta un sito web per la ricerca di un lavoro; alla Boutique du Monde, aperta dai volontari tutti i martedì pomeriggio, si cercano scarpe, biciclette, coperte per la notte.

I bagni e le docce del Presidio al Foro sono utilizzate in modo massiccio, la cucina elettrica, gestita in modo autonomo è in funzione; lo spazio è poco e le condizioni molto difficili, ma la ricerca del lavoro continua.

La Caritas ha registrato oltre 50 contratti di lavoro attivi, spesso molto lunghi. Il lavoro dei migranti è soprattutto nella raccolta dei mirtilli, dei lamponi e delle albicocche, concentrato in particolare nella bassa valle Po e in valle Bronda.
Le schede che riassumono alcuni dati dei contratti sono state inviate ai Sindaci.Un’azione nuova e importante che gli operatori della  Caritas stanno facendo quotidianamente ascoltando i singoli lavoratori. E’ pronta la “Casa del Cimitero” di Saluzzo, ristrutturata e messa a disposizione dall’amministrazione comunale; la Caritas sta iniziando ad accompagnare le prime persone: lavoratori, con contratto in aziende del Comune di Saluzzo. Potranno abitare nella Casa 20 persone.

La Caritas al Presidio ha incontrato D., un migrante della frutta, “storico” : ogni anno torna a Saluzzo per la stagione dallo stesso datore di lavoro.
Fa il pendolare, con il Bus da Torino e la bicicletta nel bagagliaio. A Torino dorme da un amico, che lo sta aiutando, e paga un affitto. Può permettersi il costo del Bus perchè sa che lavorerà molte giornate, ma ha un contratto non molto  lungo e i posti nella Accoglienza Diffusa sono per chi ha contratti di più mesi. Cerca un posto per dormire, ma non riesce a pagarsi un affitto. Il posto non c’è e al Foro Boario D. non vuole vivere.

[continua]

Giugno 4, 2021 in New, News

Aderiamo all’appello “Difendiamo i diritti”

Anche il progetto Saluzzo Migrante aderisce all'appello (pubblicato qui) promosso da associazioni quali ASGI e Antigone, rivolto alla Prefettura di Torino dopo la morte nel CPR (Centro di permanenza e…
Read More
Maggio 6, 2021 in New, News

Saluzzo Migrante cerca due tirocinanti

Il progetto Presidio "Saluzzo Migrante" della Caritas cerca 2 tirocinanti (ambo sessi, tra i 20 e i 30 anni) per un'esperienza di formazione e inserimento nell'ambito delle attività di contrasto…
Read More
Maggio 4, 2021 in New, News

Il Progetto Ubuntu cerca un operatore

Nell'ambito del progetto "UBUNTU (in lingua bantu "Io sono perché noi siamo") promosso in partenariato dal Comune di Saluzzo (capofila), Caritas di Saluzzo e Consorzio Monviso Solidale, grazie al bando…
Read More
Aprile 23, 2021 in New, News

Da stagionali ad apicoltori con Bee My Job

Quest'anno per la prima volta la Caritas di Saluzzo partecipa tramite il progetto Presidio Saluzzo Migrante al progetto dell'Associazione Cambalache di Alessandria "Bee my job Academy". L'iniziativa, rivolta a richiedenti e…
Read More